Mappa del sito

Home

Biologia

Geog. Generale

Chimica

Tabella Elementi per Z
Capire la mole Alun_1 ; Insegn_2
Mole: esercizi
Meccanica quantistica - 1 - 2 - Bohr
Lezioni varie Lezioni_1 ; ; Lezioni_2
Sistema periodico doc_1 ; Tabella
Legami: esercizi
Nomeclatura: teoria 1; teoria 2
Nomenclatura: esercizi 1; esercizi 2

Download

Scarica gratis lezioni, approfondimenti, materiali e software didattici, test e compiti di geografia generale, chimica e biologia.


Area studenti

Inserisci la password:

Scoprire la "Faccia"di Marte

Nuove immagini ad alta risoluzione e altimetria 3D dalla sonda della NASA Mars Global Surveyor rivelano  la "Faccia su Marte" per quello che è realmente: una mesa.


24 Maggio 2001: venticinque anni fa la sonda NASA Viking 1, in orbita attorno al pianeta, scattando foto di possibili punti di atterraggio per la sua nave sorella Viking 2, individuò le sembianze di un volto umano. Una testa enorme di quasi due chilometri da un capo all'altro sembrava fissare le telecamere da una regione del pianeta rosso chiamata Cydonia.
Ci doveva essere stato un certo grado di sorpresa tra i controllori della missione al Jet Propulsion Lab quando il volto apparve sul loro monitor. Ma la sensazione fu di breve durata. Gli scienziati pensarono che fosse solo un altro mesa marziano, abbastanza comune intorno a Cydonia, solo che questo aveva ombre insolite che ha reso l'aspetto di un faraone egiziano.
Pochi giorni dopo la NASA presentò l'immagine agli occhi di tutti. La didascalia diceva di aver notato una formazione con una enorme roccia che assomigliava a una testa umana, formata da ombre, dando l'illusione di occhi, naso e bocca. Gli autori ritenevano che la pubblicazione della foto fosse un buon modo per coinvolgere il pubblico e attirare l'attenzione su Marte. Certamente è stato così!
La Faccia su Marte da allora è diventata un'icona pop. Ha recitato in un film di Hollywood, è apparsa in libri, riviste, talk show radiofonici per 25 anni! Alcune persone pensavano, in buona fede, che il volto fosse la prova di vita su Marte, la prova che la NASA avrebbe preferito nascondere, dicevano i teorici della cospirazione. Nel frattempo, i difensori del bilancio della NASA sostenevano che c'era un'antica civiltà su Marte. Anche se pochi scienziati credevano che il volto fosse un manufatto alieno, fotografare Cyd nia diventò una priorità per la NASA, quando Mars Global Surveyor (MGS) arrivò sul Pianeta Rosso nel settembre 1997, diciotto anni dopo la fine delle missioni Viking. "Abbiamo sentito che questo era importante per i contribuenti", spiegò Jim Garvin, capo scienziato per il programma di esplorazione su Marte della NASA. "Abbiamo fotografato il volto non appena abbiamo potuto ottenere una buona esposizione".
E così il 5 aprile 1998, quando il Mars Global Surveyor sorvò Cydonia per la prima volta, Michael Malin e la sua squadra del Mars Orbiter Camera (MOC) fecero una foto dieci volte più nitida rispetto alle foto originali del Viking. Migliaia di navigatori del web attendevano ansiosi, quando la prima immagine apparve su un sito web JPL, rivelando una morfologia naturale. Non c'era nessun monumento alieno, dopo tutto.

A sinistra: una foto del Viching 1 del 1976, una immagine del 1998 dal Mars Global Surveyor e l'ultima immagine MGS del 2001.

(Vedi anche la foto del 2001 ad alta risoluzione).

Ma non tutti erano soddisfatti. Il Volto su Marte si trova a 41 gradi di latitudine nord marziano dove era inverno nel mese di aprile '98 - un periodo dell’anno nuvoloso sul Pianeta Rosso. La fotocamera a bordo di MGS ha dovuto scrutare attraverso le nubi per vedere il volto.
Ciò che l'immagine mostrava in realtà era l'equivalente marziano di una butte o mesa - morfologia comune in tutto il West americano. E' un duomo lavico che prende la forma di un mesa isolato con circa la stessa altezza della Faccia su Marte.
Cydonia era disseminato di mesas come il volto, ma gli altri non sembravano teste umane come quella che aveva attirato l'attenzione popolare. Garvin e altri membri del team scientifico MGS li studiarono con attenzione, tuttavia, utilizzando un altimetro laser chiamato MOLA a bordo di Mars Global Surveyor.
MOLA era in grado di misurare le altezze delle cose con una precisione verticale da 20 a 30 cm (la sua risoluzione orizzontale è di 150 m).
I dati laser altimetrici erano forse anche più convincenti delle foto aeree che il volto è naturale. Mappe 3D mstrarono la formazione da qualsiasi angolazione, con luci e ombre. Non c'erano occhi, naso e bocca! Ecco un documento di approfondimento.

A lato: una vista prospettica 3D del Volto su Marte prodotto da Jim Garvin (NASA) e Jim Frawley (Herring Bay Geofisica) dalla ultima immagine MOC (8 aprile 2001) da tutte le misure disponibili (laser, altimetro, elevazione) da MOLA.


Non c'è esagerazione verticale in questa immagine. I mesas di Cydonia sono di grande interesse per i geologi planetari perché si trovano in una parte curiosa di Marte, in una zona di transizione tra altopiani con crateri a sud e pianure a nord. Alcuni scienziati pensano che le pianure del nord sono tutto ciò che rimane di un antico oceano marziano. Se è così, Cydonia sarebbe stato una volta vicina alla spiaggia.
Forse il modo migliore per svelare il mistero potrebbe essere quella di inviare un geologo per indagare. Marte è un posto speciale, ci ricorda casa; è per questo che la Faccia su Marte è stata così popolare: ha rafforzato tale connessione. Ma anche senza un monumento alieno, ci sarà abbondanza di cose da fare per futuri esploratori. Salire le mesas di Cydonia - se è lì che si parte - sarà solo l'inizio.
Traduzione e rielaborazione di documenti dal sito nasa.gov